2017: Prìncipi e Princîpi – Il sistema geopolitico alla prova della leadership del consenso

Background

L’ottava edizione del Festival della Diplomazia ha concentrato la propria attenzione sull’equilibrio ricercato tra la legittima aspettativa di leadership nazionali capaci di agire in difesa dei cittadini e leadership capaci di far progredire nel suo complesso l’ordine internazionale nel solco dei valori universali di solidarietà e giustizia.

Le opinioni pubbliche cercano leaders capaci di coniugare la difesa degli interessi nazionali con i valori di solidarietà e responsabilità internazionale moralmente e politicamente irrinunciabili. Lo Stato rappresenta dunque, al contempo, un baluardo per rassicurare i cittadini esposti a fenomeni globali quali le migrazioni e per mitigare gli evidenti squilibri indotti dalla globalizzazione, ed un punto di partenza per la gestione di dinamiche globali che ci riguardano sempre più e dalle quali non possiamo né vogliamo recedere.

Coniugare queste due pulsioni appare spesso arduo, e purtroppo, non di rado, la soluzione pare essere l’individuazione di leaders che propugnano risposte semplici a problemi straordinariamente complessi. Il senso di frustrazione che deriva dal divario tra promesse ed soluzioni indebolisce le nostre democrazie, e ci lascia più esposti alle minacce ed agli squilibri che occorre affrontare.

Riprendendo le parole di Castoriadis, la nostra civiltà ha smesso di interrogarsi e nessuna società che dimentichi l’arte del porsi domande o che permetta a quest’arte di cadere in disuso può sperare di trovare risposte ai problemi che l’assillano.

D8C_5104
_02B2824
_02B3786